martedì 26 giugno 2007

Bari: il punto sul mercato

Dopo la risicata e sofferta salvezza ottenuta nell'appena concluso campionato di serie B, inizia lentamente a muoversi il mercato dell'A.S.Bari, che per il settimo anno consecutivo si appresta a disputare il torneo cadetto.
Dopo il benservito all'ex DS Fausto Pari, sarà compito di Giorgio Perinetti, proveniente dal Siena, cercare di allestire una squadra competitiva che sappia ben comportarsi in una serie B "impoverita" dalla promozione di Juventus, Genoa e Napoli.
A tutt'oggi però, le uniche mosse ufficiali effettuate dal neo DS sono le acquisizioni in prestito di due giovani promesse, l'attaccante Lanzafame dalla Juventus ed il difensore Antonelli dal Milan. Per il resto s'è trattato di risolvere le comproprietà, con il ritorno eccellente di Gazzi dalla Reggina e con la conferma di Ganci, Carozza ed Esposito.
Riguardo alle voci di mercato, si attende la firma del centrocampista belga Sergeant, mentre si susseguono altre voci che però non sono state ancora confermate.
Sul fronte cessioni, tuttora in bilico sono le posizioni di Carrus, Santoruvo e Gillet, che probabilmente lascerebbero la squadra in presenza di offerte vantaggiose.
Il chiaro intento del presidente Matarrese è quello di puntare su una squadra giovane con qualche rinforzo di categoria esperto, ma tutto ciò cozza col desiderio della tifoseria barese di tornare ad ammirare una compagine che possa lottare ad alti livelli con l'obiettivo di tornare prontamente nella massima divisione. In un comunicato, l'associazione "Bari in Testa",che riunisce una discreta fetta della tifoseria biancorossa, ha preso chiaramente le distanze dall'attuale dirigenza, rimproverando a Matarrese di essere il responsabile della disastrosa campagna di mercato dello scorso gennaio e di non essere in grado di programmare un progetto che possa far tornare il Bari ad alti livelli.
I tifosi, quindi, attendono nomi ben più consoni alle tradizioni sportive della squadra, tenuto conto del fatto che mai come nella prossima stagione ai nastri di partenza non ci sarà nessuna "corazzata" e che quindi sarebbe un peccato lasciarsi sfuggire un'occasione così ghiotta per tornare ai vertici del calcio che conta.

1 commento:

mazinga ha detto...

brav!